Le micropolizze assicurative low-cost

Poleecy è una nuova app per Android e iOS che consente di attivare micropolizze assicurative dalla breve durata e dedicate a viaggi, beni, trasporto e animali domestici. In pratica con un costo minimo di pochi euro è possibile coprire rischi immediati di ogni tipo.

Con la tecnologia offerta da Poleecy, non è più il cliente a cercare la polizza più adatta alle sue esigenze, ma tramite sistemi evoluti di algoritmi, di machine learning, geolocalizzazione e motori di ricerca semantici, è la polizza che si propone al cliente automaticamente offrendogli la soluzione migliore e la più conveniente al momento opportuno“, spiega l’azienda.

Inoltre utilizza la tecnologia blockchain, basata su piattaforma Hyperledger, “che consente di sottoscrivere le polizze nella modalità più sicura ad oggi presente“. Non manca un sistema antifrode innovativo creato appositamente per le micro assicurazioni. Attualmente l’app offre tre categorie assicurative con la compagnia Nobis: viaggi, vacanze e animali. Ma in futuro saranno disponibili protezioni assicurative per le attività sportive, beni, lavoro, carte di credito e dati sensibili, etc. Ad esempio per una polizza bagaglio dedicata a una tratta aerea – furto e smarrimento per un valore fino a 500 euro – sono sufficienti 12,81 euro. Assicurare invece un viaggio in Europa – asssitenza alla persona e rimborso spese mediche fino a 30mila euro – per ad esempio 4 giorni costa 9,37 euro. “Siamo la prima startup innovativa nell’ambito dell’ instant insurance, vogliamo diventare player digitali e rivoluzionare il modo di fare assicurazioni in Italia“, ha commentato Massimo Ciaglia co-fondatore di Poleecy.

Nel settore assicurativo la vendita di polizze tramite mobile è ancora poco sfruttata, ed è per questo che abbiamo deciso di inserirci in questo mercato e di offrire una piattaforma innovativa e sicura”, ha aggiunto Elio Mungo, CEO e co-fondatore di Poleecy. “Puntiamo, entro la fine del 2018, a vendere 2.500 polizze e a raccogliere investimenti per 1 milione di euro“.

FONTE: Tom’s Hardware