Addio al CPR: termina l’operatività del Codice dei Pagamenti Responsabili!

European Brokers srl, promotrice del CPR – Codice Italiano Pagamenti Responsabili dal Giugno 2015, annuncia la conclusione del percorso di questa importante iniziativa.

Il CPR – lanciato da Assolombarda nel 2014 e a settembre 2015 adottato a livello nazionale da parte di Confindustria – è nato con l’obiettivo di favorire la diffusione di una cultura dei pagamenti rapidi sia nel settore pubblico che in quello privato, prevedendo l’impegno per le imprese aderenti di rispettare i termini di pagamento pattuiti con i fornitori e, più in generale, di diffondere prassi trasparenti ed efficienti. L’adesione al Codice prevedeva l’utilizzo del marchio “CPR” al fine di segnalare al mercato l’impresa che adottava pratiche virtuose e responsabili in materia di pagamenti.

Il CPR ha contribuito in modo efficace a sensibilizzare le aziende, ma anche le banche, gli altri operatori del sistema finanziario, gli enti no-profit e le pubbliche amministrazioni, in merito all’esigenza di improntare i pagamenti verso i fornitori ai princìpi della puntualità e della correttezza.

European Brokers srl è stata una delle prime aziende nel settore assicurativo, insieme ad AEC, a sposare questa iniziativa di Assolombarda e a divulgare la cultura e la prassi del Codice Italiano Pagamenti Responsabili.

D’intesa con gli enti promotori del CPR, si ritiene ormai raggiunto l’obiettivo di diffondere nel nostro sistema produttivo pratiche virtuose e responsabili in materia di pagamenti. Ciò anche grazie al contributo della sua organizzazione che ha rappresentato un esempio al quale ispirarsi in materia di rapporti commerciali.

I soggetti che hanno promosso il CPR hanno considerato che sussistono oggi le condizioni per valutare conclusa l’esperienza del CPR. Il Codice cesserà di essere operante dal prossimo 15 settembre 2019 fatto salvo un periodo di normalizzazione che terminerà il 31 ottobre 2019.

EB, assolvendo la sua funzione di ente promotore del Codice fino alla fine, è orgogliosa di aver fatto parte in modo attivo di questo importante progetto ed è lieta di comunicare il temine dell’operatività del CPR.